Il potere della Rhodiola Rosea
Dr. Lorenzo Bergami


Benefici per la salute sostenuti dalla scienza della Rhodiola Rosea

La rodiola è una pianta che cresce nelle fredde regioni montuose dell'Europa e dell'Asia.

La radice contiene più di 140 principi attivi, i due più potenti sono rosavin e salidroside.

In Russia e nei paesi scandinavi hanno usato queste radici per curare l'ansia, la fatica e la depressione per secoli.

Oggi è ampiamente usata come integratore alimentare per i suoi numerosi benefici per la salute. Vediamone assieme alcuni.

Può ridurre lo stress
La rodiola è stata a lungo conosciuta come un adattogeno, sostanza che aiuta l’organismo a contrastare le situazioni di stress. Consumare adattogeni durante i periodi di stress è opportuno, quindi, per aiutare a gestire meglio tali situazioni. Uno studio ha analizzato gli effetti dell'estratto di rodiola in 101 persone con stress correlato alla vita e al lavoro. I partecipanti ne hanno ricevuto 400 mg al giorno per quattro settimane; durante il trattamento le persone hanno trovato miglioramenti significativi nei sintomi di stress, come stanchezza, esaurimento e ansia, dopo solo tre giorni. Questi miglioramenti sono continuati durante lo studio.

Può combattere la fatica
Lo stress, l'ansia e il sonno inadeguato sono solo alcuni fattori che possono contribuire all'affaticamento, il quale può causare sensazioni di stanchezza fisica e mentale. Grazie alle sue proprietà, la rodiola è pensata per alleviare l'affaticamento. Uno studio di quattro settimane su 60 persone con stanchezza correlata allo stress ha esaminato i suoi effetti sulla qualità della vita e sui sintomi di affaticamento, depressione e attenzione. I partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi: giornalmente un gruppo ha ricevuto 576 mg di rodiola e uno un placebo.

La constatazione uscente è stata che la rodiola ha avuto un effetto positivo sui livelli di affaticamento e attenzione, rispetto al placebo. In uno studio simile, 100 persone con sintomi di stanchezza cronica hanno ricevuto 400 mg di rodiola ogni giorno per otto settimane. I partecipanti hanno osservato miglioramenti significativi nei sintomi dello stress, affaticamento, qualità della vita, umore e concentrazione. Questi miglioramenti sono stati osservati dopo solo una settimana di trattamento e hanno continuato a migliorare durante l'ultima settimana dello studio.

Potrebbe aiutare a ridurre i sintomi della depressione
La depressione è una malattia comune e al contempo grave che influisce negativamente sulla vita quotidiana. Si pensa che si verifichi quando alcune sostanze chimiche nel cervello chiamate neurotrasmettitori si trovano in una situazione di squilibrio. Medici prescrivono comunemente antidepressivi per aiutare a correggere questi squilibri chimici. È stato suggerito in alcuni studi che la rodiola abbia proprietà antidepressive esercitando un effetto di bilanciamento dei neurotrasmettitori nel cervello.

In uno studio di sei settimane, 89 persone con depressione lieve o moderata sono state assegnate in modo casuale a ricevere giornalmente 340 mg o 680 mg di rodiola o una pillola placebo. Entrambi i “gruppi rodiola” hanno registrato miglioramenti significativi nella depressione generale, nell'insonnia e nella stabilità emotiva, mentre il gruppo placebo non ha mostrato miglioramenti.

È interessante notare che solo il gruppo che ha ricevuto la dose maggiore ha mostrato miglioramenti nell'autostima. Un altro studio ha confrontato gli effetti della rodiola con sertralina, principo attivo antidepressivo comunemente prescritto. In modo casuale a 57 persone con diagnosi di depressione fu somministrata rodiola, sertralina o una pillola placebo per 12 settimane. Mentre rodiola e sertralina hanno entrambi ridotto i sintomi della depressione, la sertralina ha avuto un effetto maggiore. Tuttavia, la rodiola ha prodotto meno effetti collaterali ed è stata meglio tollerata!

Migliora la funzione cerebrale
Esercizio fisico, corretta alimentazione e buon riposo sono modi sicuri per mantenere il cervello in funzione. Alcuni integratori come la rodiola possono contribuire allo stesso modo a questo scopo. Uno studio ha testato i suoi effetti sull'affaticamento mentale in 56 medici che lavorano in servizio notturno. I medici sono stati assegnati in modo casuale a ricevere giornalmente 170 mg di rodiola o una pillola placebo per due settimane. La rodiola ha ridotto l'affaticamento mentale e ha migliorato le prestazioni nei compiti relativi al lavoro del 20% rispetto al placebo. Un altro studio ha esaminato gli effetti della rodiola nei cadetti militari che svolgono compiti notturni. I cadetti hanno consumato quotidianamente 370 mg o 555 mg di rodiola o uno placebo per cinque giorni. Entrambe le dosi sono state positive per migliorare la capacità dei cadetti per il lavoro mentale, rispetto ai placebo.

In un altro studio, gli studenti hanno sperimentato una riduzione dell'affaticamento mentale, un miglioramento del sonno e una maggiore motivazione a studiare dopo aver assunto integratori di rodiola per 20 giorni. Anche i punteggi degli esami furono superiori dell'8% rispetto a quelli del gruppo placebo.

Può migliorare le prestazioni sportive
In uno studio, i partecipanti hanno ricevuto quotidianamente 200 mg di rodiola o un placebo due ore prima di eseguire un test ciclistico. Quelli che hanno ricevuto la rodiola erano in grado di procedere nell’esecuzione per una media di 24 secondi in più rispetto a quelli trattati con placebo. 24 secondi possono sembrare pochi… ricordiamo però che la differenza tra il primo e il secondo posto in una gara può essere addirittura di millisecondi! In un altro studio i partecipanti hanno pedalato per una prova a cronometro simulata di sei miglia. Un'ora prima della gara ai partecipanti è stata somministrata rodiola alla dose di 3 mg p/kg di peso corporeo o una pillola placebo. Quelli trattati con rodiola hanno terminato la gara significativamente più velocemente rispetto al gruppo placebo.

Può aiutare a controllare il diabete
In alcuni studi è stato dimostrato che la rodiola contribuisce a ridurre i livelli di zucchero nel sangue nei ratti diabetici aumentando il numero dei trasportatori di glucosio nel sangue. Quest’aumento di trasportatori hanno come risultato quello di abbassare la glicemia trasportando il glucosio nelle cellule. Questi studi sono stati condotti su topi, quindi i loro risultati non possono essere generalizzati all'uomo. Tuttavia, sono una ragione convincente per studiare gli effetti della rodiola sulla glicemia umana.

La puoi inoltre trovare dal nostro partner VitaFit (Piazza Manfredi Azzarita, 5) a prezzo esclusivo.
Più informazione

Per informazioni: info@strategicnutrition.it o visita il sito www.strategicnutritioncenter.it

A presto
Dr. Lorenzo Bergami