Un’infanzia meno dolce
Dr. Lorenzo Bergami

30 Gennaio 2017

Da sempre Infanzia e dolcezza, fanno coppia fissa. Oggi però è ora di rompere la loro alleanza. In un’epoca in cui l’obesità dilaga anche in tenera età ai genitori si consiglia di non dare zucchero ai bambini. Il bando è totale fino ai due anni di età. E anche dopo, fino a 18 anni, non bisognerebbe superare i 25 grammi al giorno: 6 cucchiaini scarsi.

La direttiva arriva dall’American Heart Association, secondo la quale non è mai troppo presto per iniziare a combattere i chili di troppo, con i rischi correlati di ammalarsi di diabete, e di compromettere la salute di arterie e cuore. Da qualche anno ormai le autorità sanitarie nel mondo sottolineano la pericolosità dello zucchero che viene aggiunto ai cibi, soprattutto biscotti, merendine e bibite gasate (una lattina ne contiene anche nove cucchiaini, fino a un paio si possono nascondere nello yogurt, circa quattro nei cereali della colazione).

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) l’anno scorso aveva rivisto le sue linee guida, raccomandando agli adulti di non superare i 50 grammi (10 cucchiaini da tè) al giorno. Subito è stata imitata dalla Food and Drug Administration americana, che ha sforbiciato anche le sue indicazioni. La scorsa settimana, infine, la Gran Bretagna ha introdotto una tassa sulle bibite zuccherate, che entrerà in vigore nel 2018 con la promessa che gli introiti saranno usati per costruire strutture sportive o promuovere stili di vita salutari. Prima di Londra, anche Messico, Francia, Belgio e paesi scandinavi avevano intrapreso la strada fiscale per ridurre il consumo di dolci. In Italia la proposta fu sollevata nel 2012, ma senza approdare a nulla.

“Nel budget delle calorie che un bambino dovrebbe assumere - spiega Miriam Vos, la pediatra e nutrizionista della Emory University che ha coordinato uno studio dell’American Heart Association - non c’è molto spazio per quel cibo-spazzatura in cui buona parte degli zuccheri aggiunti si annidano”.

Infatti l’accusa che i medici muovono a bevande e merendine è infatti quella di contenere “calorie vuote”, non associate cioè ad altri nutrienti benefici per l’organismo come proteine, carboidrati, vitamine, calcio. “I bambini che mangiano molti prodotti zuccherati - spiega ancora - tendono a trascurare i cibi salutari come frutta, verdura, cereali integrali e derivati del latte, che fanno bene alla loro salute”.

Poiché i primi anni danno forma al gusto anche per il resto della vita, abituarsi fin da piccolissimi a sapori dolci renderà difficile, una volta cresciuti, “liberarsi dal vizio”. Che l’eccesso di zuccheri vada eliminato, è quanto conferma anche un’indagine europea chiamata Idefics e pubblicata nel 2015.

Lungi dal fermarsi ai 25 grammi al giorno, i bambini italiani fra 2 e 9 anni raggiungono quota 87 grammi (pur sempre sotto la media europea di 97), pari a una quindicina di cucchiaini e al 20% del fabbisogno di calorie giornaliere.

Secondo le indicazioni dei cardiologi americani, invece, non bisognerebbe superare il 5-10%. Quattro ragazzi su dieci fra 8 e 9 anni - ha confermato l’anno scorso lo studio OKkio alla Salute dell’Istituto Superiore di Sanità - bevono almeno una bibita zuccherata al giorno, mentre uno su due si tiene alla larga dalla dolcezza naturale della frutta. C’è di che riflettere… visto anche l’imminente arrivo delle Feste dove dolci, cioccolato, caramelle e bibite si sprecano.

Trovi questo articolo interessati? Si prega di condividere